Horror e gotico

Il passaggio

Il Passaggio Book Cover Il Passaggio
Justin Cronin
Mondadori
The Passage

Nella giungla boliviana il professor Lear, ricercatore presso il dipartimento di biologia molecolare di Harvard, scopre una colonia di pipistrelli portatori di un virus che, modificato, può rallentare l’invecchiamento e immunizzare da qualsiasi malattia. Il progetto Noah (Noè) prende avvio in una base militare californiana approntata dal governo statunitense, dove le cavie umane sottoposte alla sperimentazione genetica sono dodici detenuti condannati a morte e una bambina di sei anni. Gli sviluppi inimmaginabili trascendono qualsiasi previsione e i virali, divenuti mostri assetati di sangue in grado di insinuarsi nella mente altrui, scappano, seminando morte, contagio e devastazione. L’unica speranza dell’umanità alberga in Amy, ultimo soggetto a ricevere il virus, costantemente migliorato, che sarà in grado di interagire sia con i pochi superstiti del genere umano sia con i mostri creati dal genere umano.

4

Recensione

Justin Cronin, docente di letteratura inglese alla Rice University, dichiara di aver scritto la trama de “Il Passaggio” per la figlia di nove anni, assecondandola nella creazione di una storia nella quale la piccola potesse riconoscersi nella protagonista Amy.
L’opera che ne risulta oscilla tra l’horror classico, la fantascienza, il thriller e il romanzo apocalittico: un melting pot che conta svariate centinaia di pagine, ma che ghermisce l’attenzione già dalla copertina, trascina nell’ansia dalle prime righe e inquieta nel suo intero, sia per le sorti dei soggetti sottoposti alla sperimentazione, sia per la precarietà dell’intera umanità.
La tematica non è certo nuova, altri autori si sono cimentati in campi simili con risultati altalenanti tra l’eccelso e lo scadente. Ma questo romanzo-horror-thriller è particolarmente gradevole, anzi, gradevolissimo, perché, in un mondo devastato e sempre presente come sfondo, permette di identificarsi in quell’indomito manipolo coraggioso che si trascina attraverso la catastrofe, intenzionato a non arrendersi, a combattere contro tutto e tutti, animato solo dalla speranza di un futuro migliore.

La narrazione avrebbe potuto essere meno dispersiva, e quindi più snella, se le descrizioni fossero state minimizzate e assottigliate.
Il linguaggio è però sempre coerente, cucito sui personaggi e attinente alla loro caratterizzazione. Si notano alcuni buchi narrativi e appare strano che siano passati indenni alla meticolosa revisione che questo libro ha sicuramente subito.
La protagonista, Amy, è meravigliosa, ben articolata e indagata sin nei minimi recessi. Impossibile non innamorarsene all’istante e non seguire le sue sorti con preoccupazione crescente.
I personaggi secondari sono veramente numerosi, ma ognuno di loro è calato in una propria connotazione peculiare e immesso nella narrazione con scopi precisi.
Il Passaggio è parte di una trilogia, il cui secondo volume è titolato I Dodici e il conclusivo La città degli specchi, al momento non ancora tradotto in lingua italiana.

La trilogia de Il Passaggio è diventata una serie televisiva prodotta da Ridley Scott. Inutile puntualizzare che molti aspetti, azioni, luoghi e personaggi siano stati modificati per esigenze televisive. Chi ha un vivido ricordo della lettura resterà vagamente destabilizzato dalla visione, faticando a comprendere le tante variazioni che la sceneggiatura ha operato.

Commenti

    • Grazie per il tuo commento, Lucia.
      È vero? Tutto diverso: personaggi, luoghi, sviluppo… Non capisco queste modifiche così radicali.

Lascia un commento

Cuccioli di cani e gatti in regalo da privati, cani da associazioni, gatti e cuccioli da allevatori di animali in tutta italia.