Romanzi

La Sovrana lettrice

La Sovrana lettrice Book Cover La Sovrana lettrice
Alan Bennett
Adelphi
The Uncommon reader

I reali cagnolini, fidi compagni della Sovrana, si precipitano in un cortile abbaiando furiosamente. La ragione di tutto l'insolito baccano è rappresentata dal furgone della biblioteca itinerante del distretto di Westminster, parcheggiata davanti alle reali cucine. La Regina, desiderosa di porgere le proprie scuse per il disagio arrecato dai suoi adorati cani, entra nel furgone e inizia a colloquiare amabilmente con lo sgomento Mr. Hutchings, l’autista/bibliotecario, che la guida nella scelta di un libro da prendere in prestito. Da quel giorno in poi, la Sovrana diverrà un’accanita lettrice. I minimi ritardi, le piccole variazioni di carattere, gli inconsueti interessi saranno solo alcuni degli aspetti più evidenti che porteranno la Regina a una nuova consapevolezza di sé e a una nuova visione del futuro della Nazione.

4

Recensione

Alan Bennett è scrittore capace e sagace e risulta pressoché impossibile non adorare i suoi romanzi brevi. Probabilmente solo un britannico del suo calibro potrebbe scrivere le vicende tanto surreali contenute ne “La Sovrana lettrice”, che hanno come protagonista l’iconica regina Elisabetta II, senza incappare nel cattivo gusto o nella stucchevole retorica. La visione che l’autore ci presenta è quella di un personaggio inizialmente immobile, un prodotto istituzionale un po’ fané che poco per volta, proprio grazie alla lettura, si trasforma in una persona attenta alla propria e alle altrui personalità, che modifica il proprio atteggiamento e il proprio eloquio aggirando le banali, e vuote, domande imposte dall’etichetta e che saprà stupire gli ospiti con arguzia e intelligenza. La Regina passerà con soavità dal primo e pesante prestito librario, Ivy Compton-Burnett, a letture di ogni tipo, che comprendono Nancy Mitford, Proust, Mary Renault, Henry James e molti altri. La passione per la lettura della Sovrana cresce proporzionalmente all’ansia dell’entourage di Buckingham Palace, che osserva attonito un cambiamento, evidentemente, indigesto. Imperdibile l’immagine della Sovrana che con fare quasi meccanico saluta la folla mentre con gli occhi prosegue imperterrita la lettura: una pennellata di pura maestria. Il messaggio che traspare dalle pagine di Bennett è forte e chiaro: la lettura modifica la vita, amplia gli orizzonti riempiendoli di immaginazione. E chi ha più bisogno di svecchiarsi, di svincolarsi dai rigidi canoni educativi, di sfuggire dall’etichetta rigorosa se non una Regina, una persona-monumento, ingabbiata dalla nascita in un ruolo fisso, immobile e immutabile?
Lo stile asciutto, e spesso caustico, è la prerogativa principe di Bennett che non perde mai le redini della narrazione nei meandri delle descrizioni inutili.
I personaggi sono perfettamente connotati, con peculiarità personali nette e indagini mirate.
La copertina, come la maggior parte delle copertine di questa casa editrice, è essenziale, la sostanza è da ricercare nel contenuto.

Approfondimento: Cos’è una biblioteca itinerante? Leggi l’articolo in News e scoprirlo subito!

Lascia un commento

Cuccioli di cani e gatti in regalo da privati, cani da associazioni, gatti e cuccioli da allevatori di animali in tutta italia.