Romanzi

La terra delle Caverne dipinte

La terra delle caverne dipinte Book Cover La terra delle caverne dipinte
I figli della Terra
Jean M. Auel
Romanzo storico
Longanesi
2012
The land of painted caves

Dopo aver perso la sua famiglia durante un devastante terremoto ed essere stata adottata dai Neanderthal, Ayla riceve un’istruzione che la trasformerà in una donna-medicina, una dottoressa ante litteram. Abbandonato il popolo cui non appartiene e spinta verso la ricerca della propria comunità, gli Altri, ovvero i Cro-Magnon, Ayla, ormai adolescente, trova riparo in una valle. Cacciatrice autodidatta, osservatrice dei comportamenti animali, sopravvive grazie alla sua tenacia e al conforto di una puledra che diverrà sua inseparabile amica. Accorrendo al disperato grido di aiuto di un uomo, riesce a salvarlo dalle temibili zanne di un leone delle caverne e, fatalmente, se ne innamora. Con lui al suo fianco intraprende un viaggio tortuoso e periglioso che la porterà a scoprire altri popoli e altre usanze. Molti imprevisti la attendono, così come molti insegnamenti e infinite scoperte. I due, basandosi sulle proprie forze, arriveranno presso la loro destinazione finale: la Nona Caverna del popolo degli Zelandoni. Inseritasi nel nuovo contesto e divenuta madre, Ayla inizia un percorso iniziatico che la porterà a modificare le sue prospettive. Le sue capacità mediche unite alla vicinanza al mondo spirituale la trasformeranno in una donna abile e intuitiva che non si fermerà di fronte alle difficoltà personali e alle rinunce dolorose. Divenuta una accolita, cioè apprendista, della più potente sciamana, La Prima tra coloro che servono la madre terra, Ayla compirà un nuovo viaggio tra le grotte sacre, presenti sul territorio, in cui ammirerà gli affreschi, i coinvolgenti riti propiziatori e le cerimonie mistiche in onore della grande madre Terra. Il suo desiderio primario, essere semplicemente una madre e una compagna, sarà destabilizzato da un iter personale che la porterà a diventare ciò che ha sempre temuto: una sciamana e una guida. Ma, forse, non tutto avviene per caso o per fortuna sul lungo cammino evolutivo.

3

Recensione

Amanti della preistoria, tuffatevi tra le pagine di questa saga fiume e sarete magicamente catapultati in un mondo primordiale, selvaggio, spietato e impietoso.
Nel complesso dei sei volumi che la compongono e che prende il nome de “I figli della terra”, assistiamo alla vita di Ayla e ne seguiamo le gesta, dall’infanzia all’età adulta.
Dispersa durante un devastante terremoto, la bambina viene trovata e adottata da un gruppo nomade, il Clan, ovvero una tribù di uomini di Neanderthal. Nonostante le sue differenze fisiche e le sue superiori capacità intellettive, la bimba è accudita con affetto e istruita dal popolo adottivo. Divenuta adolescente, la ragazza sarà costretta ad abbandonare questo gruppo e spinta a ricercare il suo popolo, gli Altri, ovvero la specie Cro-Magnon, alla quale appartiene. Isolata in una valle in cui ha trovato riparo, la ragazza si dedicherà alla caccia e lotterà per la propria sopravvivenza con alcuni animali come unica compagnia. Una piccola puledra e un cucciolo di leone delle caverne diventano la sua famiglia e il suo sostegno. Durante una battuta di caccia, udendo delle grida di aiuto, soccorre un uomo e lo salva. Tra i due, inevitabilmente, sboccia l’amore e tutto quanto ne consegue. Giodalar, curato dalla donna, la convince ad unirsi a lui nel suo viaggio di ritorno al proprio popolo. Tra mille peripezie, i due incontreranno altre tribù, di cui saranno ospiti, inventeranno per necessità o per caso fortuito nuovi strumenti e costruiranno armi tecnologiche. Tra sciamani, visioni, pericoli e animali feroci, Ayla e il suo compagno giungeranno presso il popolo cui lui appartiene: gli Zelandoni. Le innate capacità intuitive unite agli insegnamenti ricevuti, faranno di Ayla una guaritrice capace e una sciamana in forte collegamento con il mondo spirituale.
I Cro-Magnon, antica forma di Homo Sapiens, erano presenti soprattutto in Europa, Asia, Nordafrica e Nordamerica nel Paleolitico Superiore che si colloca in un periodo compreso tra i 40000 e i 10000 anni fa circa. Questa specie di uomo primitivo si contrappone all’uomo di Neanderthal (il cui nome deriva dalla valle di Neander, presso Düsseldorf, Germania, in cui ne sono stati rinvenuti i primi resti fossili), presente nello stesso periodo nel medesimo territorio. La differenza tra le due specie, la loro dissimile evoluzione e le loro difformi abilità mentali e manuali rappresentano il fulcro basilare su cui poggia la narrazione.
Con una protagonista assoluta e intensamente carismatica, il lettore è avvinto e coinvolto in un excursus formativo che ha come sfondo uno scenario grandioso in cui una moltitudine di branchi animali migra, caccia e si riproduce.
Jean Marie Auel, l’autrice, ha dedicata una grossa fetta della propria vita alla stesura dei sei romanzi in cui si dipana la vicenda umana di Ayla. Alle minuziose ricerche bibliografiche sulle Ere preistoriche e sulla Paleontologia Antropologica, Auel ha unito la frequenza ad alcuni corsi di sopravvivenza. L’esperienza derivata le ha consentito di raccontare al meglio i suoi personaggi calandosi nello loro realtà, nel loro quotidiano, ed emergendone con mentalità e abilità manuali di cui noi, uomini moderni, siamo totalmente dimentichi.

La protagonista è, come già detto, assoluta. Sempre presente sulla scena in prima persona o in terza, nelle frasi, nei pensieri e nei dialoghi altrui. Ottimamente indagata e sviscerata nelle azioni, nelle intenzioni e nella psiche. La sua parabola umana si dipana in un crescendo che apre un varco nei cuori dei lettori.
I personaggi secondari sono realmente un’infinità e non tutti sono umani. Gli animali che per caso o per destino, si affiancano agli uomini e alle donne sono dotati di personalità, sentimenti ed empatia. Un tocco che non guasta, anzi.
Gli ambienti sono presentati in ogni loro aspetto, così come gli eventi atmosferici che nel periodo preistorico rappresentavano catastrofi oggi inimmaginabili.
Lo stile è essenziale e comprensibile. Nessun volo pindarico e nessuna velleità letteraria accompagnano la narrazione. Si percepisce il piacere puro di raccontare in una forma lineare ed esaustiva.
Un primo piccolo neo riguarda le ripetizioni. Le azioni, i pensieri, il passato, le idee vengono sviscerati da ogni angolazione possibile e riesaminati capitolo dopo capitolo. Forse qualche volta di troppo.
Un secondo piccolo neo interessa l’aspetto sessuale. Ovvio che nella crescita individuale si inneschino rapporti di tipo carnale e sentimentale, meno ovvio che in un romanzo che poggia su fondamenta storiche e ipotesi teoriche si scruti nel letto altrui e non proprio dal buco della serratura. Gemiti e accoppiamenti, riti e amplessi si susseguono. Pagina dopo pagina.
Le immagini di copertina sono attinenti al contenuto e meritano un segno positivo.

I sei libri compresi nella saga “I figli della terra” sono i seguenti:
Ayla – Figlia della Terra – (The Clan of the Cave Bear)
La valle dei cavalli – (The valley of horses)
Gli eletti di Mut – (The mammoth hunters)
Le pianure del passaggio – (The plains of passage)
Focolai di pietra – (The shelters of stone)
La terra delle caverne dipinte – (The land of painted caves)

Nota personale: Oltre la recensione, oltre le stelle meritate, oltre gli appunti negativi, amo in modo particolare questa saga e la rileggo con una puntualità preoccupante. Perché? Perché adoro la preistoria, perché mentre la leggo sono là, tra quei popoli, in quella terra che fu e che noi non conosceremo mai.

Commenti

  • Mio fratello mi ha raccomandato di visitare il tuo sito e… non puoi immaginare da quanto tempo io stessi cercando le informazioni che ho trovato qui!

  • Vorrei completare la lettura di questa Odissea primordiale ma, purtroppo, non riesco a reperire il sesto volume

    • Grazie per il tuo commento, Gilberto.
      Prima di risponderti ho preferito effettuare una ricerca e ti confermo che questo volume è, al momento, introvabile presso la Casa Editrice.
      Tuttavia, potresti facilmente trovarlo nella versione e-book (a un prezzo decisamente vantaggioso) o sulle piattaforme di vendita dell’usato (a prezzi molto meno vantaggiosi).

Lascia un commento

Cuccioli di cani e gatti in regalo da privati, cani da associazioni, gatti e cuccioli da allevatori di animali in tutta italia.